Altofonte

 

Il piccolo centro di Altofonte, compreso nella provincia palermitana, si trova in una posizione privilegiata, nelle vicinanze di Palermo e Monreale e con una posizione di controllo sulla valle del fiume Oreto. Il comune conta 10.031 abitanti e ha una superficie di 3.527 ettari per una densità abitativa di 284 abitanti per chilometro quadrato. Sorge in una zona collinare interna, posta a 359 metri sopra il livello del mare. Rilevante nel settore agricolo sono la produzione di agrumi, quella delle mandorle, ma anche quella delle olive, frutta e uva. Il paese venne chiamato Parco fino al 1930, poiché fu residenza e centro di caccia di re Ruggero il Normanno; successivamente il nome cambiò in Altofonte per la ricchezza delle sue sorgenti. Durante il XIII secolo divenne residenza estiva degli Angioini e fu anche soggiorno preferito dei re Aragonesi. Fu proprio a Altofonte che ebbe i natali re Pietro II d’Aragona. Nel 1860 la cittadina si distinse per la sua grande partecipazione alle gesta garibaldine. È possibile ammirare all’interno della Chiesa Madre, edificata nel 1633, l’altare maggiore ricco di marmi e dotato di un bassorilievo raffigurante l’immagine della Madonna di Altofonte. Dietro la chiesa è presente l’antica cappella del Palazzo, S.Michele, del XII secolo con cupoletta su alto tamburo ad unica navata.